MANTOVA FA LA PARTITA PERFETTA: GLI SHARKS RIMANGONO A QUOTA 4

SAPORI VERI ROSETO – POMPEA MANTOVA  62-82  ( 6-10, 17-23, 15-20, 24-29   )                             

Roseto:  Lattin   2 , Giordano  10 , Menalo   ,  De Fabritiis     , Mouaha   17 , Canka   3 , Nikolic  2  , Fokou  3 , Ciribeni   2 , Rupil  8, Bayehe  3 , Pierich   12                               All. D’Arcangeli

Mantova:  Sarto  3 , Colussa   , Poggi  6 , Raspino   6 , Visconti  7 , Ferrara   2 , Vigori     , Ghersetti   8  , Maspero   6 , Clarke  23 , Lawson   21               All. Finelli

NOTE: Tiri da 2: Roseto          16/44      ;   Mantova         25/44           

            Tiri da 3:  Roseto          3/16         ;  Mantova        7/25           

            Tiri Liberi: Roseto         21/34       ;  Mantova        11/13            

            Rimbalzi: Roseto  41 (  14  offensivi ) ;  Mantova  43  (  12   offensivi )

            Assist:  Roseto  6 ; Mantova  15

USCITI PER 5 FALLI:  Sarto ( Mantova )

Sconfitta per gli Sharks tra le mura amiche del PalaMaggetti contro una gagliarda Pompea Mantova, che si dimostra squadra da trasferta, dato che i 6 punti in classifica sono stati ottenuti tutti fuori dal PalaBam. I padroni di casa giocano anche sprazzi di buon basket, ma non appaiono per nulla costanti a differenza degli avversari, soprattutto in difesa, nel corso dei 40’. Ai box Oliva, Roseto trova in Mouaha il miglior giocatore della serata autore di 17 punti e 7 falli subiti, buona la prova anche di Pierich con 12 punti e Giordano con 10, mentre Lattin si ferma a 2; dall’altra parte super partita di Kenny Lawson con 21 e 9 rimbalzi, 23 per Clarke, sue le triple ammazza-partita nel finale.

Coach D’Arcangeli all’inizio parte con Giordano in regia, Nikolic, Canka, Bayehe e Lattin,  risponde Finelli con Clarke, Raspino, Ferrara, Ghersetti e Keny Lawson sotto le plance.  L’inizio è terrificante: le due squadre per oltre 3 minuti e mezzo non segnano, Roseto sbaglia l’impossibile e Mantova segue a ruota. Ci pensa Clarke a festeggiare “il primo gol” della serata: i biancazzurri sbattono sulla difesa mantovana, cercare di segnare è un’impresa; 0-8 dopo 7 minuti, l’entrata di Pierich scuote gli squali, è proprio il capitano rosetano a segnare i primi due punti all’ottavo, Mouaha e ancora Pierich per il 6-10 di fine periodo. I secondi dieci minuti vedono i biancazzurri più battaglieri, Simone Pierich (10 punti nei primi 20’) prova a caricarsi la squadra sulle spalle, ma Mantova non concede praticamente nulla , ed ha dalla panca ottime soluzioni come Poggi e Visconti: gli Sharks tornano a contatto grazie a Rupil e Giordano, minimo svantaggio sul  -6, ma Ghersetti e Lawson rispondono e scrivono 23-33 al 20’.

Il terzo quarto si apre con i soliti Ghersetti e Lawson a fare voce grossa sotto il canestro biancazzurro, e con la schiacciata di quest’ultimo la Pompea vola sul +15 al 25°, 30-45. Maspero da tre per il massimo vantaggio sul 32-51, gli ospiti cominciano a vedere la strada della vittoria, anche se manca ancora un’eternità: Giordano e Mouaha rintuzzano un pochino il gap, ma al 30° il tabellone recita 38-53.

L’ultimo quarto si apre con la tripla di Sarto, Mantova però comincia a caricarsi di falli e Roseto ovviamente ne giova: Mouaha e Giordano danno qualche speranza a Roseto, Lattin carica il pubblico ma la tripla prima di Maspero e  i canestri di uno strepitoso Clarke allargano il gap sul +18 con 4:30 da giocare; si comincia ad alzare bandiera bianca al PalaMaggetti per gli Sharks e il finale serve solamente a rintuzzare tabellini e statistiche. Finisce 62-82 per un’ottima Pompea Mantova.

Prossimo turno Roseto giocherà a Porto S.Giorgio contro Montegranaro Domenica 10 novembre , in quella che sarà una sfida fondamentale per Ciribeni e soci.

 

 

 

 

Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie.