TREVISO FA LA VOCE GROSSA: GLI SHARKS CADONO AL PALAVERDE

DE’LONGHI TREVISO – CIMOROSI ROSETO  88-61   ( 26-16, 19-11, 25-22, 18-12  )                

Treviso:  Tessitori 5  , Logan 5 , Burnett  19 , Sarto  5  , Alviti  13 , Saladini   2 , Barbante    , Imbrò   9 , Chillo   7 , Uglietti  5 , Severini  9 , Lombardi    9                All. Menetti

Roseto:  Giordano 5  , Person  9  , Cocciaretto   ,  Rodriguez   7  , Ianelli   2 , Penè    6  , Nikolic n.e.  , Eboua   3   , Bayehe   4 , Sherrod   6  , Akele  6  , Pierich    13                     All. D’Arcangeli

NOTE: Tiri da 2:  Treviso           15/30       ;   Roseto         19/36           

            Tiri da 3:  Treviso            15/33         ;  Roseto         5/20            

            Tiri Liberi: Treviso           13/14        ;  Roseto         8/19          

            Rimbalzi: Treviso 31  (  9  offensivi ) ;  Roseto  41   (   15  offensivi )

            Assist:  Treviso 24 ; Roseto   19

USCITI PER 5 FALLI: nessuno

Gli Sharks escono sconfitti dal PalaVerde di Villorba contro i padroni di casa della De’Longhi Treviso,  nella 27a giornata di campionato, ma mantengono ancora accese le speranze di post season data la contemporanea sconfitta di tutte le dirette concorrenti ai biancazzurri. Privi di Nikolic, con Eboua e Pierich a mezzo servizio, con Person che non stava bene e con Sherrod utilizzato col contagocce dopo un piccolo problema ad  inizio match,  gli squali si sono battuti fino all’ultimo, ma hanno potuto ben poco contro la corazzata veneta, in forma smagliante e lanciata come un treno verso la seconda posizione in classifica, alle spalle della ormai promossa Fortitudo Bologna: miglior marcatore di serata per Roseto capitan Pierich con 13 punti, seguono Person a 9 e Rodriguez a 7, da segnalare inoltre i 5 punti messi a segno da Nicola Giordano e l’entrata in campo nel finale di Luca Cocciaretto; per i locali prova importante per Burnett con 19 punti, per Alviti 13 punti, si ferma a 5 il “professor” Logan.

Coach D’Arcangeli all’ìnizio parte con Rodriguez, Person, Akele, con Sherrod e Bayehe sotto canestro, risponde Menetti con Imbrò, Burnett, Alviti, Severini e Tessitori: il primo canestro è di Nicola Akele ( quasi un derby per lui dato che è di Montebelluna ), ma parte forte subito Treviso con un super Burnett ( 8 nel solo primo quarto ) dopo appena 4 minuti si è già sul + 6 per i padroni di casa (12-6), mentre Roseto comincia a faticare già in difesa.  Le cose migliori si vedono da Pierich ( 6 a fine parziale ), che insacca la tripla del meno 5, Roseto prova a rientrare ma i veneti, giostrati alla grande da Imbrò e Logan ri-allungano chiudendo  il primo quarto sul 26-16, con un buzzer allo scadere di Uglietti. Nel secondo parziale Menetti manda dentro le seconde linee , Treviso è in un gran momento di forma e si vede, e vola sul +14, 34-20 al 14°, dopo un canestro e fallo di Chillo. D’Arcangeli mischia le carte, butta dentro Penè e Eboua, non al massimo della forma, l’atletismo rosetano si fa sentire, gli Sharks rosicchiano qualche punto prima che Burnett e il solito Imbrò ristabiliscano le distanze tranquillizzanti tra le due, col tabellone luminoso che all’intervallo recita 45-27.

Ad inizio terzo parziale Sherrod e Person scuotono i biancazzurri con tre canestri di fila, ma Alviti è una macchinetta dai 6,75 e con due triple in un amen ricaccia indietro la Cimorosi , mandando in tilt tutta la difesa di coach D’Arcangeli:  il pubblico del PalaVerde si fa sentire eccome, Menetti non si fida dei biancazzurri e vuole ancor più aggressività e intensità. Al 25° il punteggio dice 59-36, dopo un lay-up di Lombardi, Rodriguez mette dentro la prima tripla di serata, Pierich ne mette altri 3, Treviso però non accenna a riposarsi e ripiazza un break con Severini e Logan che di fatto chiudono il periodo sul 70-49. Negli ultimi dieci minuti, dato il grande divario tra le due compagini, c’è poco da dire, con gli Sharks però che ci danno ancora dentro, e con D’Arcangeli che si affida ad uno starting five giovanissimo:   c’è anche spazio per Giordano e Cocciaretto, con il primo che chiude addirittura con 5 punti all’attivo. Il match finisce 88-61, prossimo turno domenica 7 Aprile, quando al PalaMaggetti arriverà la Tezenis Verona, quarta in classifica e reduce da sei vittorie consecutive.

 

[ ph: Michele Gregolin - ufficio stampa Treviso ]

 

 

Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie.