SALVEZZA BLINDATA: SHARKS SUPER CON PIACENZA !

CIMOROSI ROSETO - ASSIGECO PIACENZA     82-72     (  14-18, 24-14, 19-26, 25-14     )                                                                

Roseto:  Giordano   , Person  14  , Motta    ,  Rodriguez  16  , Ianelli    , Penè   n.e.  ,   Nikolic  2  ,  Eboua    , Bayehe   5  , Sherrod  21   , Akele   14  , Pierich    10                           All. D’Arcangeli

Piacenza:  Diouf  2  , Bossi  5  , Ogide  17 , Formenti   5 , Antelli    , Piccoli   ,   Ihedioha   2  , Turini   7  ,  Murry   14  , Sabatini   16  , Vangelov    4                 All. Ceccarelli

NOTE: Tiri da 2:  Roseto             24/42    ;      Piacenza       17/35         

            Tiri da 3:  Roseto              5/19       ;   Piacenza         7/22             

            Tiri Liberi: Roseto            19/25       ;   Piacenza         17/20            

            Rimbalzi: Roseto   33   (  9  offensivi ) ;  Piacenza   32   (   7  offensivi )

            Assist:  Roseto   14  ; Piacenza    9

USCITI PER 5 FALLI:   nessuno

SPETTATORI:  2000

Vittoria, salvezza a quattro dal termine e piena lotta post season con l’ottavo posto in classifica con 26 punti all’attivo. Si può riassumere così la splendida serata degli Sharks davanti al proprio pubblico del PalaMaggetti contro l’Assigeco Piacenza, al termine di una gara spigolosa e intensa. Per battere Ogide e soci non bastano tuttavia 4’ iniziali perfetti (10-0), e il finire secondo parziale ( out Eboua dopo 7 minuti per una “scavigliata” e Nikolic nel secondo quarto per un colpo al ginocchio e mai più rientrati ), perché gli emiliani non mollano e se la giocano fino a 2 dalla fine. Nell’ultimo quarto si ergono ad assoluti mattatori  Sherrod e Rodriguez : 37 punti in due e i canestri del break decisivo. Brandon fa 21+11, Rodriguez ne mette 16 ( venerdì sera era a letto con la febbre ndr. ), ottimo il supporto anche di Akele e Person con 14 punti a testa,  mentre il rientrante Pierich ne firma 10; dall’altra parte miglior marcatore Ogide con 17, Sabatini 16 e Murry 14.

D’Arcangeli a  inizio gara parte con  Nikolic , Person, Eboua e la coppia Akele -Sherrod sotto canestro, , risponde Ceccarelli con Sabatini, Murry, Formenti, Ihedioha e Ogide: inizio scoppiettante dei padroni di casa, con le triple di  Akele e Person ( 7 a fine parziale per l’americano )che scrivono 10-0 al 4’. Timeout ospite, Ogide e Murry provano a rispondere e  firmano il meno 1 sul punteggio di  10-9 al 7’ e con l’inerzia tutta piacentina, Pierich, appena entrato, sigla il +3, prima che Formenti con una tripla firmi il primo sorpasso ospite sul 12-14. Roseto non segna per due minuti abbondanti, Eboua si fa male ad una caviglia, e Piacenza ne approfitta con Vangelov, chiude Person dalla lunetta per il 14-18 di fine periodo.

Nel secondo  periodo  Turini scrive i primi tre punti della gara, portando al massimo vantaggio i suoi, 14-21, risponde capitan Pierich della stessa moneta, ancora Vangelov da sotto e nell’azione ha la peggio Nikolic che cade a terra malamente dopo uno scontro con il bulgaro e deve uscire definitivamente dal match. Coach D’Arcangeli comincia a pescare allora dalla panchina con i vari Ianelli e Bayehe, Bossi e Murry allungano sul 22-30, Akele e Person rintuzzano lo svantaggio fino al meno 5, Sherrod scrive 4 punti consecutivi e i biancazzurri firmano il meno 1 sul 31-32. Piacenza non segna più nei restanti due minuti e mezzo, il solito Akele comincia a fare il bello e cattivo tempo in area e gli Sharks chiudono addirittura avanti di 6, 38-32, all’intervallo lungo.

Al rientro dagli spogliatoi l’Assigeco torna all’arrembaggio: Sabatini spara la tripla del -3  ( 40-37 al 22°), gli emiliani hanno la forza di riavvicinarsi sempre più con Ogide e ancora Sabatini fino al -1 sul 44-43, con gli Sharks che in cinque minuti hanno solo 9 punti, con una tripla di Rodriguez a chiudere l’inerzia ospite. Sabatini sigla la parità sul 49-49, Sherrod torna ad essere un fattore , anche se i biancazzurri sprecano più di un occasione per allungare nuovamente e si fanno prendere anche un po' dal nervosismo, con la terna arbitrale che rifila un fallo tecnico alla panchina rosetana; il pubblico si scalda dopo un paio di decisioni degli arbitri, la gara diventa intensissima e Piacenza rimette la freccia sul +3, ma Rodriguez dalla lunetta riporta Roseto sul meno 1 a fine quarto, 57-58.

L’ultimo quarto si apre con due canestro in fila di un ottimo Bayehe , Rodriguez segna nella tonnara piacentina e gli Sharks tornano sul +5 , con il pubblico del PalaMaggetti che torna a ruggire. L’Assigeco si appoggia ad Ogide, l’americano segna e subisce fallo, ma gli squali mordono eccome , parziale terrificante di 12-0 a cavallo tra 34° e 37° e Piacenza entra in totale confusione: Sherrod domina sotto le plance, Rodriguez è indemoniato, Ceccarelli si becca un tecnico e oramai l’inerzia è tutta locale. Ogide e Murry sono gli ultimi a mollare, ma oramai il tempo è poco e Roseto chiude dalla lunetta con il solito, stoico, Rodriguez per il risultato finale di 82-72.

Vittoria  importantissima dei biancazzurri che rimangono aggrappati al treno playoffs, guardando con più serenità al prossimo impegno, domenica 31 marzo a Treviso contro la seconda in classifica.

 

 

 

Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie.