SUPERMAN AKELE: GLI SHARKS TORNANO A SORRIDERE !

ROSETO SHARKS  - BASKET RAVENNA    91-80    ( 26-9, 25-26, 21-20, 19-25 )                                                          

Roseto:   Person   12 , Cocciaretto   ,  Rodriguez   8 , Ianelli  n.e.   ,  Penè n.e.   , Eboua   6 , Bayehe     , Sherrod   9  , Akele  34  , Pierich  12  , Bushati    6                    All. D’Arcangeli

Ravenna:  Tartamella  n.e. , Hairston  8  , Smith  26  , Montano   15  , Jurkatamm    , Cardillo   2  , Baldassi  n.e. ,  Masciadri   12  , Rubbini    3 , Seck n.e. ,  Gandini  3 ,  Laganà  11      All. Mazzon                                   

NOTE: Tiri da 2:  Roseto             21/41    ;   Ravenna            15/29         

            Tiri da 3:  Roseto              9/17          ;  Ravenna          10/34             

            Tiri Liberi: Roseto            22/27       ;  Ravenna           20/20             

            Rimbalzi: Roseto   37  (  11  offensivi ) ;  Ravenna    29   (  11   offensivi )

            Assist:  Roseto    16  ; Ravenna    10

USCITI PER 5 FALLI:   Hairston – Rubbini  ( Ravenna )

SPETTATORI:  2000

Torna alla vittoria Roseto, e lo fa in modo più che convincente  contro l’Orasì Ravenna , con il risultato finale di 91-80, in una gara comandata dal primo all’ultimo minuto.  Gli uomini di coach D’Arcangeli  salgono così a quota 6 in classifica, riagguantando Mantova e Jesi e andando a +4 dall’ultima posizione in classifica, i romagnoli  rimangono a 10 punti. Il break decisivo già nel corso del primo parziale, chiuso sul 26-9, per poi allungare e controllare nel corso del match: tre uomini in doppia cifra, top scorer un devastante Nicola Akele  con 34 punti, 10 rimbalzi, 13/19 al tiro e un’intensità mostruosa, bene anche Person e Pierich entrambi con 12 punti,  dall’altra parte Adam Smith chiude con 26 , 15 per Montano e 12 capitan Masciadri.

Starting five per coach D’Arcangeli  con Nikolic play, Person e Eboua esterni, Akele e Sherrod sotto le plance, risponde Mazzon  con Laganà, Smith, Cardillo, Masciadri e Josh Hairston: il primo canestro è una tripla di Paul Eboua , proprio il classe 2000 firma il 5-0 iniziale, Hairston firma i primi punti ospiti, ma Roseto è cattivissima in difesa e morde già le caviglia dei romagnoli. Ravenna fatica più del previsto ad attaccare il ferro biancazzurro, segna 2 punti in quattro minuti, con Akele che comincia il suo show personale: l’ex Rhode Island segna la bellezza di 15 punti nel solo primo parziale, annientando chiunque gli si pari davanti, cancellando i vari Masciadri e Gandini in difesa, ma soprattutto portando avanti i suoi già sulla doppia cifra di vantaggio. 19-4 dopo una sua tripla, 26-6 massimo vantaggio dopo una sua magata, prima che Montano con un canestro da tre punti chiuda il primo periodo sul 26-9.

Nel secondo quarto Mazzon  prova a mescolare un po’ le carte in difesa e in attacco si sveglia Masciadri con due triple di fila ed un paio di assist al bacio per Montano; ma è fuoco di paglia e infatti  al 14° la squadra di casa scappa nuovamente, sul punteggio di 35-15, raggiungendo il massimo vantaggio fino a quel momento. Gli ospiti non riescono a mandare su di giri l’attacco rosetano, le due squadre cominciano a caricarsi di falli, la gara è spezzettata e ne giova ovviamente Roseto con Bushati e Pierich che capitalizzano dalla lunetta: Sherrod e Person firmano il nuovo allungo, 49-29, Masciadri e Laganà chiudono il periodo per il 51-35.

Al rientro dagli spogliatoi ci si aspetta una Ravenna più arrembante e decisa: d infatti nei primi due minuti gli ospiti piazzano un break importante di 8-2, grazie a Smith, ispirato dopo l’intervallo ( marcato alla grande però da Nikolic ) e Laganà, e la partita si riaccende in un amen. Il PalaMaggetti comincia a scaldarsi, i fantasmi della rimonta si fanno pesanti, ci pensa però ancora la premiata ditta  Akele-Person per il 61-43 del 25°. Ancora Laganà segna e subisce fallo, Pierich insacca l’ennesima tripla di serata, gli Sharks tornano a difendere veementemente e i contropiedi fioccano come caramelle: Akele è immarcabile, trasforma tutto quel che passa , segnandone 8 consecutivi, tra cui una super schiacciata per il 72-46, Smith e Gandini però non ci stanno e controfirmano un altro break per il 72-55 di fine quarto.

A dieci minuti dal termine, sotto di 17 punti, si fa molto dura per l’Orasì, che soccombono ancora sotto i colpi del duo Person-Pierich: Mazzon le tenta tutte, anche la carta Rubbini , dopo che la terna arbitrale gli rifila un fallo tecnico sul punteggio di 78-63 al 35°. Qui Roseto si smarrisce per un paio di minuti abbondanti, Ravenna comincia ad alzare la difesa fino a metacampo raddoppiando sistematicamente chiunque avesse la palla degli avversari: meno 8 con due tiri liberi di Smith, ma l’entrata di Akele smuove ancora una volta tutti i biancazzurri, Hairston si becca fallo tecnico ed esce di scena, Rodriguez capitalizza dalla lunetta, e a chiuderla è il big man di serata, Nicola Akele con una triplissima per il 91-80 finale.  Gli Sharks  a fine partita, numeri alla mano , hanno tirato con il 51% da due, il 53% da tre , arpionando  37 rimbalzi e smazzando 16 assist. Prossimo match domenica 9 Dicembre  a Piacenza contro l’Assigeco, in cui milita un altro ex rosetano, ovvero Andy Ogide.

 

 

 

Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie.