NIENTE IMPRESA: GLI SHARKS CADONO CON MONTEGRANARO

ROSETO SHARKS – PODEROSA MONTEGRANARO   85-91   ( 18-13,14-23,22-27,31-28)                                       

Roseto: Carlino  23 , Ogide  22   ,   D’Eustachio  n.e.  ,   Lupusor  5 ,  Contento 13 ,  Di Bonaventura  , Lusvarghi  n.e. , Zampini  n.e. ,  Casagrande  4 , Marulli  10 ,   Infante 8             All.  Di Paolantonio

Montegranaro: Angellotti  n.e. , Rivali   , Campogrande  21, Maspero   3, Treier  2 , Zucca   4, Corbett  24 , Amoroso   9, Powell   26, Altavilla  n.e. , Gueye   2              All. Ceccarelli

NOTE: Tiri da 2:  Roseto     20/40      ;   Montegranaro        22/34        

            Tiri da 3:  Roseto       10/34     ;  Montegranaro         12/30        

            Tiri Liberi: Roseto       15/20      ;    Montegranaro     11/11               

            Rimbalzi: Roseto   33   (  12  offensivi ) ;  Montegranaro   39  (  7  offensivi )

            Assist:  Roseto  12  ; Montegranaro  16

USCITI PER 5 FALLI: Gueye ( Montegranaro )

E' una Poderosa cinica quella che conquista i due punti sul parquet del PalaMaggetti, con gli Sharks che hanno ceduto solamente nel finale dopo una grande rimonta. I marchigiani grazie a questa vittoria si riprendono il secondo posto vista la sconfitta della Fortitudo a Jesi: proprio un ex Fortitudo, Campogrande, sblocca i suoi dopo 10' difficili, diventando mattatore del match con 21 punti e 11 rimbalzi in 32'. Nel secondo tempo ci hanno pensato Corbett e Powell (50 punti in due) ad alzare il livello del gioco e indirizzare il match sui binari ospiti. Per i biancazzurri, autori comunque di una buona partita, non basta un ottimo Ogide da 22 punti e un Carlino da 23 punti ( quasi tutti nel quarto parziale ), bene anche Contento con 13 punti. Roseto resta a 4 punti in fondo alla classifica, due punti dietro a Bergamo e 4 da Orzinuovi, quest’ultima vincente contro Ravenna e la settimana prossima scontro diretto proprio contro i bresciani nuovamente al PalaMaggetti.

Coach Di Paolantonio parte con il suo solito starting five, Marulli-Carlino-Casagrande-Ogide e Lupusor, risponde Ceccarelli con Rivali-Corbett-Campogrande-Powell e Amoroso: iniziano bene i padroni di casa, e spinti da Ogide e Casagrande vanno sul 10-2. Prova ad accendersi Corbett per gli ospiti con 9 punti, ma sull'altro lato Infante trova due volte il fondo della retina e Roseto rimane avanti nel punteggio. Un altro canestro di Ogide chiude il primo quarto sul 18-13. Marulli confeziona il +8, ma Campogrande e Maspero rispondono con un controparziale che significa primo sorpasso marchigiano sul 21-22. L’esterno ex Fortitudo continua a creare diversi problemi alla difesa biancazzurra (12 punti con 5/7 al tiro) e scrive +9 per i gialloblu. Tuttavia, due canestri di Carlino e il buzzer beater di Infante riducono parzialmente i danni: 32-36 al 20′.

Dopo l’intervallo, Corbett e Powell iniziano a giocare sui loro livelli: la tripla del primo e la schiacciata del secondo valgono il +12. Gli Sharks si affidano alle triple di Ogide per rientrare sotto la doppia cifra di svantaggio, ma anche la Poderosa ha aggiustato la mira da 3 e rimane con un solido vantaggio. Al 30′ il parziale recita 54-63. Si sbloccano dai 6.75 anche Lupusor e Contento che mantengono Roseto in partita sul -8, ma Powell e Campogrande non sbagliano e firmano il 71-80. Due magie di Carlino scrivono -3 e il PalaMaggetti diventa una bolgia, ma Corbett spegne l’entusiasmo con un’altra tripla. I liberi di Amoroso e Corbett fissano il punteggio finale sull’85-91.

 

 

 

Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie.